DDBD

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Per un sistema ad 1 grado di libertà (ad esempio risposta trasversale di ponte a molte campate semplicemente appoggiato) la metodologia prevede la seguente serie di operazioni:

DDBD_1

Spostamenti del sistema ad 1 grado di libertà

  1. Si stima uno spostamento limite elastico \delta_y assunto in genere pari a \delta_y=0.005H  dove H è l’altezza del sistema;
  2. In funzione dello stato limito di progetto considerato e della geometria del ponte si stabilisce un limite accettabile della rotazione \theta_p della cerniera plastica posta in questo caso alla base della colonna. Ad esempio nel caso di stato limite di danno un valore di \theta_p=0.03  è consigliato;
  3. In funzione del meccanismo deformativo considerato si determina lo spostamento \delta_d  in corrispondenza del punto di applicazione delle forze sismiche: nel caso considerato si ha \delta_d=\delta_y+\delta_p=\delta_y+\theta_pH ;
  4. Utilizzando appropriate relazioni disponibili in letteratura (Chopra, Takeda, Pretsley), si stima lo smorzamento strutturale a partire dal livello di duttilità \mu_\delta=\frac{\delta_d}{\delta_y} ;
  5. Entrando con il valore di spostamento di progetto \delta_d  nello spettro di risposta elastico in spostamento costruito per il valore di smorzamento ottenuto nel passo precedente, si ottiene il periodo T_d ;
  6. La rigidezza effettiva può essere ottenuta da K_e=\frac{4\pi^2}{T^2}m ;

DDBD_2

Diagramma taglio alla base spostamento in sommità

  1. Si stima un primo valore del taglio ultimo in corrispondenza alla risposta massima F_u=K_e\delta_d ;
  2. Si può ottenere il valore del taglio in corrispondenza dello spostamento di limite elastico attraverso la relazione F_y=\frac{F_u}{r\mu_\delta-r+1} ;
  3. Si effettua un predimensionamento (dimensioni geometri, armatura) della struttura e pertanto può essere calcolata la rigidezza elastica K_y ;
  4. Si stima in modo più raffinato lo spostamento elastico \delta_y=\frac{F_y}{K_y} ;
  5. Si itera fino ad ottenere una soluzione stabile.

Bibliografia

“Linee guida per la progettazione ed esecuzione di ponti in zona sismica”

Autori: Prof. C. Modena, Ing. P. Franchetti, Ing. M. Grendene

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail